Tag: <span>spionaggio</span>

Che cos’è la Visione a Distanza

CHE COS’ È LA VISIONE A DISTANZA,

RV, REMOTE VIEWING

La visione a distanza o remote viewing è un’abilità che viene classificata tra i fenomeni parapsicologici.

Nel Vecchio Testamento si racconta di come il profeta Eliseo usasse le sue facoltà esp per salvare i soldati di Israele da cocenti sconfitte militari.

Da un luogo isolato, colui che vede a distanza è capace di dedurre le caratteristiche approssimative di un obiettivo lontano.

La visione a distanza ha una lunga storia, che risalirebbe agli antichi greci, ed è stata oggetto, come già ampiamento descritto, di studi e approfondimenti recenti a partire dalla CIA, fondatrice, tra l’altro, di un gruppo di ricerca nei primi anni ’70.

Sebbene si creda che alcune persone “dotate” abbiano una predisposizione alla visione a distanza, si afferma, parallelamente, che chiunque possa acquisire e migliorare tale abilità con la pratica.

A tal riguardo, M. B. Mensky, doctor of Science, afferma che esisterebbe un modello della mente umana attraverso il quale sarebbe possibile ottenere informazione da tutte le altre realtà “classiche”1 e selezionare, di conseguenza, le realtà favorevoli. Tale modello si estrinsecherebbe attraverso il sogno, la trance ipnotica, la meditazione, ovvero quando la coscienza subisce uno stato di “disabilitazione” o “alterazione”.

Lo stesso autore crede che la mente umana sia un fenomeno di “trans-universo” che limita, di fatto, le varie alternative. “Il cervello servirebbe come interfaccia tra il corpo e la coscienza, ma il livello più profondo di coscienza non è funzione del cervello”. Poi, continua: “… la principale caratteristica della coscienza è la sua abilità, superando la separazione delle alternative, di seguire ognuna di esse fino al momento distante nel futuro, trovare quali alternative forniscano la sopravvivenza e scegliere queste alternative escludendo le restanti. L’evoluzione della materia vivente è quindi determinata non solo da cause, ma anche da obiettivi, prima di tutto l’obiettivo della sopravvivenza e il miglioramento della qualità della vita!

In Italia, degni di nota sono gli studi e le ricerche di Ernesto Bozzano che parla di Telestesia. Nell’introduzione dell’opera Dei Fenomeni di Telestesia, del 1942, così sostiene:

Nel glossario preposto all’opera maggiore di Federico Myers, viene circoscritto in questi termini il significato della parola “Telestesia”: “percezione a distanza, la quale implica una visualizzazione diretta di cose, o una percezione di condizioni indipendentemente da ogni via sensoria e in circostanze tali da escludere che le cognizioni acquisite traggano origine da una mentalità estrinseca al partecipante”.

Analogamente, il professor Rchet ne delimita il significato in questi termini: “Cognizione da parte di un dato individuo di un fenomeno qualunque non percepibile o conoscibile coi sensi normali, e in parti tempo estraneo a qualsiasi trasmissione mentale cosciente ed incosciente”.

(…) La presunzione della “lettura o trasmissione del pensiero” appare fondata nella grande maggioranza dei casi. Giova, infatti, tenere presente che nella lucidità dell’ordine considerato, non si ottengono soltanto visualizzazioni di cose o di ambienti lontani, ma bensì percezioni del temperamento, del carattere, dello stato emozionale, affettivo, mentale dell’individuo lontano.

(…) Osservo nondimeno come anche nella circostanza dei fenomeni di telestesia, tutto concorra a provare che non si tratti di visione propriamente detta, e neppire di visione indiretta pel tramite dei centri ottici, ma bensì di visualizzazioni: allucinatorie veridiche (che il professor Hyslop denominerebbe “immagini pittografiche”) trasmesse dalla personalità subcosciente (e in via eccezionale da entità disincarnate), a scopo d’informare la personalità cosciente su ciò che la interessa. Dimodichè rimarrebbe da risolvere l’arduo quesito vertente sul modo in cui la personalità subcosciente perviene ad entrare in rapporto con l’oggetto o con l’ambiente lontani ini guisa da percepirli, o in guisa da conoscerli, o in guisa da informarsi intorno ad essi.

1 I mondi paralleli di Everett.

(continua) … presto un mio saggio specialistico sulla materia.

CRIMINAL, Il nuovo Manuale per il moderno Investigatore del Crimine

I primi di Dicembre uscirà il nuovo Manuale per il moderno Investigatore del Crimine, a cura di Mirco Turco, con tanti Autori …

Anteprima CRIMINAL, il nuovo Manuale

  “HIC SUNT DRACONES” Mi piace molto questa espressione che, a quanto pare, veniva associata alle carte geografiche …

Soft Skills e Valore Umano

Le soft skills sono competenze trasversali molto richieste negli scenari moderni del lavoro e delle organizzazioni. Possono …