Tag: <span>sindrome del l’intestino irritabile</span>

L’Ipnosi nella Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS)

Chi soffre di Sindrome dell’Intestino Irritabile, sovente, si trova psicologicamente al centro di un conflitto tra forze uguali e contrarie: una parte espansiva ed emotiva e l’altra parte che si oppone per timore. La persona vive tendenzialmente il desiderio di libertà e il senso di colpa; l’istinto e la ragione; il controllo e il disordine. La persona deve imparare, progressivamente, a fare spazio alle proprie esigenze, riequilibrando il rapporto e le relazioni con gli altri.

Nella patogenesi della sindrome, si riscontrano sovente alcuni tratti specifici:

  • perfezionismo
  • autocritica
  • catastrofismo
  • difficoltà ad esprimere bisogni ed emozioni

La parola d’ordine per chi soffre di IBS dovrebbe essere “LEGGEREZZA”!

In altre occasioni abbiamo specificato come l’ipnosi possa essere considerato uno strumento efficace anche e soprattutto in ambito disturbo psicosomatico. Nel caso della Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS), occorre considerare che le cause non sono ancora chiare e che esse siano comunque molteplici: disregolazione asse intestino-cervello, sistema immunitario, flora intestinale, mobilità intestinale e variabili psicosociali. Normalmente, in alcuni periodi, il disturbo è meno intenso e in altri può riacutizzarsi a causa di diete alimentari, stati emotivi e periodi di stress e ansia.

I trattamenti attraverso l’ipnosi, secondo la moderna ricerca, dovrebbero essere diretti alla riduzione del dolore addominale, all’attenuazione dello stress e alla normalizzazione del funzionamento intestinale. A tal riguardo, esiste il Protocollo di Manchester e il North Carolina (12 sedute a cadenza settimanale) che, attraverso una serie di sedute strutturate, mira alla riduzione dei sintomi e al rafforzamento dell’Io della persona. L’Ipnosi, pertanto, agirebbe sia sul sistema nervoso enterico, sia su quello automatico centrale, modificando l’attività della corteccia anteriore del cingolo e influenzando variabili psicologiche, così come schemi cognitivi ed emozioni.

L’ipnosi mira a implementare temi attinenti al benessere, alla protezione, alla calma e vengono collegati direttamente alle funzioni intestinali. Le tecniche utilizzate sono suggestioni multisensoriali, come ad esempio, la mano calda, la metafora fluviale per intervenire, ad esempio, sugli attacchi diarroici o la stipsi. Per la gestione dello stress è molto importante l’utilizzo di metafore che possono instillare un senso di disconnessione e distanza da situazioni, ambiente e pressioni sociali.

Secondo alcuni studi specialistici, i benefici dell’ipnoterapia permangono a cinque anni dalla fine del trattamento nel 83% dei pazienti.

 

L’Ipnosi nei Disturbi d’Ansia

L’ansia può essere considerata un’attivazione psicofisiologica che eccede rispetto ai livelli richiesti dalla …

Ipnosi, sovrappeso e obesità

Obesità e sovrappeso sono condizioni disabilitanti e rappresentano una vera e propria urgenza medica! Esse, infatti, predispongono …

Ipnosi e Sistema Nervoso

Le conoscenze sull’Ipnosi e sui suoi meccanismi, nel corso degli ultimi anni, hanno raggiunto livelli avanzati. Possiamo …