Tag: <span>personalità</span>

Certificare il Fattore Umano Mirco Turco

Enneatipi: evoluzione vs involuzione

Enneatipi e Livelli Evolutivi/Involutivi.

Continua il nostro viaggio nell’Enneagramma. Questa volta, vediamo cosa può portare l’evoluzione della nostra tipologia di appartenenza o, al contrario, una involuzione. Nella tabella seguente, vengono schematizzati i vari sottotipi per ogni Enneatipo a seconda del grado di “evoluzione” personale. Una persona evoluta si “ritroverà” quindi tra i sottotipi 1,2,3. Una persona mediamente evoluta tra i 4,5,6. Una persona che si è involuta, nei sottotipi 7,8,9. È ovvio che il nostro comportamento non è qualcosa di rigido. Dunque, sarà possibile oscillare, di tanto, in tanto, tra i diversi sottotipi. A titolo di esempio, se sono un enneatipo 2 e ho raggiunto un buon livello di evoluzione personale, mi comporterò come una persona altruista, premurosa e attenta. Se, invece, non mi sono evoluto sufficientemente o magari ho dei momenti di involuzione, sarò un manipolatore, oppure un dominatore che costringe gli altri, o ancora assumerò il comportamento di una vittima designata.

La tabella si presta a molte letture affascinanti e interessanti non soltanto sul piano personale, ma anche lavorativo, clinico e criminologico.

 

ENNEATIPO 1
Evoluzione

1: persona saggia e realista

2: persona ragionevole

3: persona di buoni principi

Evoluzione media

4: riformatore idealista

5: ordinato puntiglioso

6: perfezionista giudicante

Involuzione

7. l’intollerante

8. l’ipocrita esasperante

9. il vendicatore sentenzioso

ENNEATIPO 2
Evoluzione

1: altruista puro

2: premuroso

3: persona protettrice

Evoluzione media

4: confidente espansivo

5: persona possessiva

6: persona indaffarata

Involuzione

7. il manipolatore

8. il dominatore che costringe

9. il vittimista

ENNEATIPO 3
Evoluzione

1: persona autentica, vera

2: persona sicura di sé

3: persona illustre

Evoluzione media

4: scalatore sociale

5: cultore dell’immagine

6: vanitoso, narcisista

Involuzione

7. lo sfruttatore opportunista

8. il traditore perfido

9. il vendicativo psicopatico

ENNEATIPO 4
Evoluzione

1: creatore ispirato

2: persona intuitiva

3: tipo autorivelatore

Evoluzione media

4: immaginativo

5: introverso egoista

6: ammiratore vizioso

Involuzione

7. Il depresso che si aliena

8. Il tormentato

9. L’autodistruttivo

ENNEATIPO 5
Evoluzione

1: pioniere del sapere

2: persona percettiva

3: esperto competente

Evoluzione media

4: specialista analitico

5: teorico pensieroso

6: scettico esasperato

Involuzione

7. l’annullatore isolato

8. il paranoico

9. lo schizzato inconcludente

ENNEATIPO 6
Evoluzione

1: persona sicura di sé

2: persona leale

3: persona devota

Evoluzione media

4: fedele tradizionalista

5: persona contraddittoria

6: reattivo esasperato

Involuzione

7. l’insicuro

8. lo schizzato iperattivo

9. il pauroso autodifensivo

ENNEATIPO 7
Evoluzione

1: apprezzatore ammirato

2: persona entusiasta

3: iperattivo consumato

Evoluzione media

4: uomo di mondo

5: estroverso tuttofare

6: materialista senza moderazione

Involuzione

7. il fuggitivo impulsivo

8. il maniaco impostore

9. l’isterico terrorizzato

ENNEATIPO 8
Evoluzione

1: eroe dal grande animo

2: persona fiduciosa di sé

3: leader disponibile

Evoluzione media

4: avventuriero coraggioso

5: dominatore

6: avversario bellicoso

Involuzione

7. il tiranno spietato

8. il megalomane

9. il distruttore

ENNEATIPO 9
Evoluzione

1: persona padrona di sé

2: tipo ricettivo

3: pacificatore convinto

Evoluzione media

4: accomodante

5: osservatore passivo

6: fatalista arreso ai fatti

Involuzione

7. il tipo trascurato

8. il tipo dissociativo

9. il tipo abbandonato

 

ENNEAGRAMMA Test

Quale Abitante della Terra sei?

SCOPRI IL TUO ENNEATIPO[1]

Segna le affermazioni con cui ti ritrovi maggiormente, ovvero, che riflettono di più come sei. Fallo tranquillamente. Non esistono risposte giuste o sbagliate. Conta come tu ti percepisci.

  

Enneatipo CINQUE

  • Gli altri sono troppo curiosi nei miei confronti
  • I miei spazi sono estremamente importanti ed è bene che nessun altro li occupi
  • Esiste la mia casa, esiste il mio amico X, esiste il mio collega Y e la mia famiglia: tutte queste cose non possono e non devono incontrarsi.
  • Quando affronto un nuovo argomento di studio, vorrei conoscerlo fino in fondo nel dettaglio, se questo non risulta essere possibile, non procedo.
  • Gli altri dicono di vedermi freddo e distante.
  • Riesco a pensare liberamente solo quando mi trovo da solo, sena tante interferenze esterne
  • Per fare una cosa importante è necessario che mi prepari adeguatamente, ma non mi sento mai pronto a sufficienza
  • Da piccolo i miei spazi venivano invasi spesso, e/o non mi è mai parso di interessare a i miei genitori
  • Mi sembra che mi venga sempre chiesto più di quanto io sia disposto a dare
  • Prima di compiere un’azione la analizzo dettagliatamente in modo da essere preciso, non vorrei sbagliare di essere ridicolo
  • Il mio parere è quasi sempre piò oggettivo di quello altrui
  • Non capisco come certe persone possano essere così illogiche
  • Mi trovo a mio agio nella solitudine
  • Conosco diversi stratagemmi per evitare di interagire con gente indesiderata
  • Non amo andare in ambienti troppo frequentati o rumorosi
  • In genere non prendo l’iniziativa nel rapportarmi con le altre persone, preferisco osservare quanto accade ed eventualmente intervenire solo quando è estremamente necessario
  • Spesso visualizzare nella mia mente un progetto è come averlo realizzato veramente

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

Enneatipo QUATTRO

  • Mi piace fare le cose che non piacciono a tutti, se piace a tutti molto probabilmente a me non piace
  • Non ritengo gli altri capaci di comprendermi. Il mio mondo interiore è confuso e difficile da capire
  • Mi attrae il simbolico, l’essenziale, l’autentico
  • Vengo accusato di essere esagerato, sia nella malinconia che nell’euforia
  • Le cose potrebbero anche cambiare in meglio, ma certo questo non dipende da me
  • Conosco e riconosco la sofferenza, per questo chi soffre entra facilmente in contatto con me
  • Non mi piace l’idea di essere come gli altri, che si cerchi di farmi rientrare in qualche categoria
  • Ho sentimenti profondi che spesso gli altri non possono immaginare
  • Nel ricordare una situazione, la mia attenzione va spesso a ciò che mancava, a ciò che poteva essere e non è stato
  • Cerco di sorridere anche se dentro in realtà sono veramente triste
  • Quanto faccio una cosa, la faccio a modo mio, deve avere la mia impronta
  • È importante che io abbia l’opportunità di comportarmi in maniera disinvolta e autentica
  • Nei miei interessi posso vantare una certa raffinatezza, buon gusto e originalità
  • A volte non so veramente ciò che voglio
  • I cambiamenti della mia vita spesso sono stati condizionati da eventi sfortunati
  • Fin dai miei più lontani ricordi, riconosco che i miei sentimenti sono molto profondi
  • Espormi in pubblico rappresenta per me una situazione stressante

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

 Enneatipo OTTO

  • La regola della vita è questa: il forte sopravvive, il debole viene eliminato
  • Spesso mi dicono di essere troppo aggressivo o violento, ma è perché so quel che voglio
  • Ho un’inclinazione naturale nello scovare le menzogne
  • Le ingiustizie mi fanno imbestialire: non ho paura di lottare per ciò che è giusto
  • Scovo rapidamente i punti deboli dell’altro
  • Mi viene naturale colmare i vuoti di potere all’interno di un gruppo
  • Non posso tollerare che qualcuno abbia il controllo su di me
  • Difficilmente mi fido di qualcuno. Per provare la sua fedeltà devo sfidarlo
  • Non ho paura del conflitto, è anzi l’occasione in cui le verità vengono a galla
  • Quando scopro una mia debolezza, faccio di tutto per farla sparire
  • Proteggo chi sta sotto la mia ala
  • Individuo facilmente che detiene il potere all’interno di un gruppo
  • Le cose sono giuste o sbagliate, bianche o nere, non esistono vie di mezzo
  • Quando qualcosa non va, non esito a farlo presente, non importa se qualcuno ci può rimanere male
  • Non resisto alla tentazione di sgonfiare che si crede di essere chissà chi
  • Non mi piace oziare: sono una persona attiva
  • La vita è un campo di battaglia, è fondamentale essere forti e combattivi

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

Enneatipo SEI

  • Dubito frequentemente dell’affidabilità degli altri
  • Sono scettico di natura
  • Mi trovo a lottare molto spesso con le mie paure
  • Essere una persona responsabile è molto importante per me
  • Lavoro bene in gruppo, sono leale
  • Spesso mi sento dire di essere troppo pessimista o sospettoso, in realtà sono solo prudente
  • Occorre che in un lavoro o in una legge vi siano linee direttive esaustive
  • È importantissimo sapere di chi posso fidarmi e di chi non posso
  • Buona parte delle mie scelte è dettato dal mio bisogno di sicurezza
  • Non sopporto l’ambiguità, ho bisogno di sapere da che parte stare
  • La vittoria della squadra è la mia vittoria, non mi interessa essere un elemento di spicco
  • Vorrei arrivare preparato ad ogni cambiamento, gli imprevisti generano ansia
  • Riconosco di essere più sensibile delle altre persone alle possibili minacce
  • Sento che mi è chiesto molto. Arrivo a dubitare di avere una mia vita, mi pare di vivere per gli altri
  • A volte temo di emergere: rischierei di scontrarmi con qualcun altro
  • Conoscere la mia posizione e quella degli altri è molto importante per me
  • Sono un ottimo collaboratore, faccio del mio meglio per portare a termine i miei compiti

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

Enneatipo NOVE

  • È raro che io mi innervosisca o mi agiti per qualcosa, sono una persona tranquilla
  • Non capisco come mai le altre persone discutano o litighino tanto
  • Non giudico gli altro, è raro che qualcuno che conosco di persona non mi vada a genio
  • A volte mi è così difficile capire da che parte stia la ragione che non riesco ad avere una mia posizione
  • Tendo a sdrammatizzare le situazioni per tranquillizzare gli altri
  • Vedo con una certa facilità come le altre persone potrebbero fare pace tra loro
  • Sono adattabile, basta che non mi si metta fretta o pressione
  • Talvolta vengo accusato di essere un po’ apatico e privo di iniziativa
  • I miei atteggiamenti sono sempre moderati
  • A volte ho la tendenza a rimandare certe commissioni, domani ci sarà tempo per occuparsene
  • Posso definirmi con una certa soddisfazione una persona accomodante, equilibrata e disponibile
  • Mi viene spontaneo tranquillizzare gli altri quando questi hanno un problema
  • Non vale la pena agitarsi tanto poiché nella vita le cose andranno come andranno
  • Non sono un entusiasta, le cose vanno fatte con calma
  • Desidero portare a termine i doveri per potermi dedicare agli hobby del mio tempo libero
  • Se qualcuno litiga o alza la voce, faccio di tutto per mantenere la mia serenità
  • In generale sento di avere ragione, ma non lo dico apertamente per evitare il confronto diretto

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

Enneatipo SETTE

  • Stare fermo troppo a lungo nello stesso posto mi annoia in fretta
  • Spesso vengo apprezzato per la mia simpatia
  • Mi piace raccontare storie su fatti divertenti
  • Guardo al futuro con entusiasmo
  • Mi piace sollevare il morale di un amico che sta male cercando di farlo sorridere
  • Se poco è bene, molto è meglio
  • Ogni lasciata è persa
  • Mi viene riconosciuto il fatto di essere in grado di rallegrare le situazioni
  • A volte mi accusano di essere superficiale, ma è perché non mi abbatto facilmente
  • Il denaro serve per concedersi degli sfizi, per godersi la vita
  • Sono piuttosto permissivo con me stesso, mi concedo le giuste ricompense
  • Parlare delle cose negative non aiuta a cambiarle, meglio concentrarsi su quelle positive
  • Sono molto curioso, mmi piace sapere qualcosa di tutto
  • Se gli altri fossero più spensierati, sarebbe un mondo più felice
  • Mi piace mostrarmi allegro e positivo
  • Mi è stato detto che sono indisciplinato, ma so gestire bene il mio disordine
  • Salto rapidamente da una cosa all’altra perché capisco al volo dove porta una certa strada

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

Enneatipo UNO

  • Chi fa da sé fa per tre
  • Faccio del mio meglio per correggere i miei errori
  • Per me è importante che il domani sai migliore di oggi
  • A volte le ingiustizie occupano la mia mente per tantissimo tempo
  • Sono scrupoloso, attento ai dettagli e non capisco chi li sorvola
  • È maleducazione non rispettare attentamente gli orari. Il tempo è prezioso per tutti
  • Quanto mi accorgo di non venire ascoltato, mi arrabbio facilmente
  • So come vanno fatte le cose e mi scoccia che i miei avvertimenti non vengano presi in considerazione
  • Sono molto critico nei miei confronti, un po’ meno nei confronti degli altri
  • Una piccola imperfezione talvolta è sufficiente a smontare tutto il mio entusiasmo
  • Ho le idee chiare su cosa sia giusto e cosa sbagliato, dunque mi impegno a fondo per agire nel giusto
  • La mia vita è fatta di valori. Senza di essi la mia esistenza non avrebbe molto senso
  • La mia integrità morale è fondamentale per me
  • So che se gli altri capissero fino in fondo cosa intendo dire loro, mi darebbero ragione
  • Mi sembra di esser l’unico ad interessarsi che le cose vadano fatte come dovrebbero essere fatte, che siano in ordine come dovrebbero essere
  • È necessario che le cose vadano come previsto. Dover improvvisare implica non aver organizzato bene
  • Mentre faccio altre cose, la mia mente, si riempie spesso di critiche, accuse, giudizi che mi faccio da solo o che gli altri mi hanno rivolto

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

Enneatipo TRE

  • Sono una persona dinamica, voglio essere un elemento valido in un gruppo
  • Ho piacere di ricevere conferme riguardo al mio lavoro, a cui tengo molto
  • Visualizzo chiaramente il mio obiettivo e voglio sapere in quale punto del percorso mi trovo
  • Valuto il tempo in termini di occasioni da cogliere. Lo usa al meglio per raggiungere gli scopo che mi prefiggo
  • L’idea di fallire per me è insopportabile
  • L’immagine non è tutto, ma è una componente molto importante
  • Non sopporto giudizi negativi sul mio conto, mi sforzo di essere apprezzato
  • I miei obiettivi assorbono gran parte dei miei pensieri
  • A volte mi accorgo di essere un po’ opportunista, mi faccio trovare al posto giusto nel momento giusto
  • Partecipare non sempre è sufficiente. Punto al primo posto
  • Svolgo al meglio la mia professione, identificandomi in essa
  • Quando mi do’ un obiettivo, faccio di tutto per raggiungerlo, anche se può costarmi molto in termini di tempo ed energie
  • Sono un buon motivatore quando si tratta di raggiungere un traguardo comune
  • Essere visto come una persona di successo è molto importante per me
  • Tenermi in moto mi fa sentire vivo. Non mi piace oziare
  • Curo la mia immagine, la prima impressione è importante
  • Considero la gioventù, l’intraprendenza e l’ambizione dei valori importanti

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

Enneatipo DUE

  • Spesso conosco i bisogni dell’altro meglio di lui stesso
  • Dedico gran parte del mio impegno e del mio tempo agli altri
  • A volte mi basta uno sguardo per capire se piaccio a un0altra persona o no
  • Vorrei che anche gli altri mi dedicassero un po’ dell’attenzione che io sono solito dedicare loro
  • Mi piace trovare le qualità negli altri e apprezzarle apertamente
  • Trovo importante condividere parte dei miei averi
  • Considerando quanto mi adopero per i mie cari, merito una posizione di privilegio nei loro confronti
  • Talvolta mi sembra di darmi così tanto da fare per tutti e di ricevere davvero poco in cambio
  • Mi viene spontaneo intervenire per aiutare le persone in situazioni imbarazzanti
  • Non ho molto tempo per me: mi sento indispensabile per diverse persone e questo mi porta via tante energie
  • Sono un ottimo confidente, mi piace che amici, parenti e conoscenti si rivolgano a me in cerca di consiglio
  • Mi curo di considerare chiunque sembri aver bisogno di attenzioni
  • Tendo a intromettermi nelle vite degli altri il meno possibile, lo faccio solo quando lo trovo necessario e sempre per il loro bene
  • A volte mi accorgo di come la mia libertà sia limitata dai tanti impegni che mi prendo per chi mi circonda
  • La mia eccessiva generosità a volte mi mette in situazioni che mi creano insoddisfazione
  • Tutto sommato ho piacere che gli altri abbiano bisogno di me
  • Tendo a mettere da parte i miei bisogni per chi ha esigenze maggiori delle mie

TOTALE AFFERMAZIONI =

 

  • Qual è il TOTALE più alto? _______________ Questo è il tuo Enneatipo

VAI al mio articolo CARATTERISTICHE PRINCIPALI ENNEATIPI

 

[1] Tratto da Luca Giorgetti (2016). Enneagramma, I Nove Abitanti della Terra. Macro Edizioni.

SE IL CLOWN IT POTESSE PARLARE …

Se il clown It potesse parlare …

Mi sento inquietante, a tratti, angosciante e perturbante. Il mio aspetto è strano, direi ambiguo. È difficile per voi sapere cosa penso effettivamente o quale sarà la mia prossima mossa. Mi muovo “diversamente”, eppure, sono umano! Ho contorni sfumati, accentuati, simil distonici. Divento incoerente, bizzarro e soprattutto imprevedibile … forse, è soprattutto questo che vi allarma.
Rappresento il chiaro esempio di una “valle perturbante”*! Certo è che trovare il nome specifico della vostra fobia (coulrofobia) nei miei riguardi, poco servirà e comunque alimenterà il mio potere!
Negli individui è sovente l’ambivalenza a creare un certo “brivido”, attivando reazioni primitive, la fuga come la paralisi.


Mi sento un personaggio lungo una linea di confine, tra ciò che intrattiene e diverte e ciò che può essere ambiguamente seducente e maligno. Nel circo, come nella letteratura e nel cinema ho avuto il mio ruolo ma il vissuto è sempre di chi mi guarda!
Allora, esaspero il dubbio costante sull’identità degli individui, che possono trasformarsi improvvisamente in qualcosa di diverso da come normalmente appaiono.
È un improvviso sovvertimento, in cui si mescolano desideri e paure profonde e segrete. Colui che mi osserva, al contempo, può addentrarsi in territori in cui angoscia e piacere non sono rigidamente separati e dove la percezione del mostruoso arreca turbamento e ugual soddisfazione. Siete costretti, allora, a confrontarvi con il potere degli archetipi …
Le grandi emozioni, utili alla sopravvivenza, cambiano schema in me, mutando senso, camuffandosi, comprendosi, nascondendosi, trasformandosi e quindi ingannandovi. Questa mia “capacità” scuote il vostro inconscio, spingendosi verso ciò che diventa spaventosamente affascinante.

 

 

*“La sensazione di familiarità e di piacevolezza generata in un campione di persone da robot e automi antropomorfi, aumenta al crescere della loro somiglianza con la figura umana, fino ad un punto in cui l’estremo realismo rappresentativo, produce però un brusco calo delle reazioni emotive positive, destando sensazioni spiacevoli come repulsione e inquietudine, paragonabili al perturbamento”.

 

sindrome da esaurimento psicofisico Mirco Turco

L’enneagramma: identificare e comprendere la personalità e il carattere.

procastinazione_mirco_turco

Che cos’è l’enneagramma.

La maggior parte delle persone è interessata e normalmente attratta a conoscere meglio la propria personalità. Comprendere meglio se stessi è una tappa più o meno obbligata ma non sempre lineare, chiara, risonante. In altre situazioni, siamo solo convinti di “essere fatti” in un certo modo, in altre ancora, non siamo affatto consapevoli.
Qualsiasi sia il nostro livello di conoscenza della nostra personalità, esiste un insegnamento molto antico che descrive analiticamente 9 tipi di personalità (Enneagramma) e analizza il rapporto tra loro, fornendo anche spunti di riflessione importantissimi per lo sviluppo personale.
L’enneagramma (ennea, nove e gramma, segno) è un sistema molto articolato e strategicamente affascinante che trae la sua origine al sufismo, al misticismo e alle teorie di Gurdjieff. Ad esso, si sono succeduti nel tempo, altri studi e approfondimenti psicologici che hanno reso questo sistema ancora più rilevante in termini di conoscenza ed esplorazione della personalità.

L’enneagramma identifica 9 caratteristiche emotive principali:
1. Ira
2. Superbia
3. Frode
4. Invidia
5. Avarizia
6. Paura
7. Gola
8. Lussuria
9. Accidia

Come intuibile, tali caratteristiche sono parallele ai sette peccati capitali, oltre a frode e paura. La struttura dell’enneagramma è una stella a 9 punte e trae le leggi fondamentali dalla mistica. Il triangolo interno descrive 3 preoccupazioni mentali principali:
L’immagine (punto 3); La paura (punto 6); L’autoesclusione (punto 9).

Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere.

 

I 9 Tipi di personalità.

Alle 3 preoccupazioni mentali corrispondono altrettante emozioni. L’insieme di tali preoccupazioni determina 9 tipi psicologici.

1. Il perfezionista: critico verso se stesso e gli altri. Cerca sempre il modo giusto di fare le cose. Si sente etnicamente superiore. Tende a procrastinare per paura di sbagliare. Fa uso spesso di parole quali “si deve”, “bisogna”.
2. Il donatore: chiede sempre approvazione e ricerca affetto. Vuole ottenere amore e riconoscimento rendendosi utile e indispensabile. Si muove per soddisfare l’altro in modo manipolatori. Sa mostrare diversi sé a seconda della persona. Aggressivo e seduttivo.
3. L’esecutore: vuole essere amato attraverso i fatti e i risultati, appare sempre competitivo. Maestro dell’ apparenza, personalità Tipo A, confonde il sé con l’immagine professionale. È ossessionato dalla propria immagine di vincitore è lotta per la posizione sociale.
4. Il romantico-tragico: attratto dall’irraggiungibile, non è mai nel momento presente. Appare tragico e melanconico, dotato di temperamento artistico. Sono devoti alle passioni ma si bloccano per un amore perduto o lontano, per un lutto.
5. L’osservatore: mantiene una distanza emotiva dagli altri è non si fa coinvolgere. Distaccato dalle cose, dai sentimenti, dalle persone. Possono ricoprire posizioni decisionali e suddividono i doveri in scomparti.
6. Lo scettico leale: indeciso, timoroso, procrastinatore, ha paura di agire. Appare ligio, non autoritario, sposa cause perse. Può essere un tipo civico o può reagire alla paura con l’aggressività. Possono essere amici fidati, ottimi giocatori di una squadra.
7. L’epicureo: eterno fanciullo, avventuriere, edonista. Mantiene tutte le possibilità aperte, di buon umore e stimolante compagnia. Ottimi teorici, spesso scrittori, autori, progettisti.
8. Il capo: protettivo, combattivo, manifesta apertamente rabbia e forza, lotta anche per gli altri ma può vivere in modo smisurato.
9. Il mediatore: ambiguo, considera i diversi punti di vista, sostituisce ai propri bisogni quelli degli altri. Tende a narcotizzarsi, sempre consenziente ed esprime la rabbia in modo indiretto. Possono essere ottimi consiglieri e negoziatori.

Aspetti diagnostici.

check aziendale mirco turco psicologo

L’enneagramma può anche essere considerato in rapporto ad un versante diagnostico, con riferimento al DSM, Diagnostic and Statistic Manual. Molto interessanti, ovviamente, le interrelazioni che possono derivarne.
Tipo Uno: ossessivo/coatto
Tipo Due: istrionico. Dipendente
Tipo Tre: personalità Tipo A
Tipo Quattro: depresso. Disturbi bipolari
Tipo Cinque: schizoide
Tipo Sei: paranoide
Tipo Sette: narcisisistico
Tipo Otto: sociopatico
Tipo Nove: passivo-aggressivo

L’enneagramma non si ferma qui. Per ogni Tipo esistono molte altre caratteristiche “identificative” e riflessioni circa i vissuti, le esperienze, le percezioni del mondo, la storia personale. Inoltre, molto rilevanti risultano anche le relazioni tra tipologie a seconda di una situazione normale, stressante o di sicurezza.

Invito a contattarmi per ulteriori approfondimenti e dettagli o per scoprire, attraverso apposito Test, la tipologia di appartenenza.

Dimmi come cammini e ti dirò chi sei

Un anno fa uscì un mio articolo su “Starbene Salute” su un argomento alquanto bizzarro ma interessante. Ve lo ripropongo in modo integrale …

dimmi_come_cammini_mirco_turco

Il famoso Cesare Lombroso sarebbe alquanto onorato dai tentativi odierni di “rimodernare” e arricchire sapientemente  teorie psicologiche e comportamentali inerenti alcuni aspetti macroscopici e microscopici della comunicazione non verbale. Certo, il suo nobile tentativo era quello di identificare uno psicopatico, da un omicida, da uno stupratore. Solo con il tempo si è compreso che le cose sono un po’ più complesse!

Di fatto, è pur vero che il nostro corpo parla ed è proprio il nostro corpo a dire la verità o a confidare alcuni tratti del nostro temperamento e della nostra personalità. Oggi, come ieri, si dice, infatti, che quello che diciamo con le parole deve essere in armonia con quello che diciamo con il nostro corpo e che ciò che conta sono appunto i gesti.

Anche il mondo pubblicitario ne conosce bene il presupposto fondamentale: non è tanto importante quello che si dice macome si dice.

Come ci muoviamo nello spazio e come gestiamo le varie distanze? Esistono indicatori importanti  legati a fattori culturali ma anche fisiologici e psicologici. È la prossemica,  studio delle distanze interpersonali, che ci dice se siamo a nostro agio ad una certa distanza o se preferiamo “accorciarla” quando parliamo con una data persona. Variazioni delle distanze interpersonali e quindi, movimenti vari che facciamo nello spazio con i nostri arti e con l’intero corpo, variano a seconda della nostra personalità e a seconda di quello che stiamo provando (emozioni positive o negative ad es.) in quel momento.

C’è chi probabilmente ha un proprio “stile” nel muoversi nello spazio, così come nel camminare. Avete mai visto una persona depressa che cammina velocemente, o un iperattivo che mestamente passeggia in una strada!? Osserviamo passi esitanti, in altre occasioni, un passo sicuro e determinato. In effetti, si potrebbe proprio dire  “Dimmi come cammini e ti dirò chi sei”!

dimmi come cammini e ti dirò chi sei mirco turco

Anche gli animali comunicano le loro intenzioni attraverso la gestione dello spazio e i movimenti, trasferendo aggressività, sottomissione, socialità e in fondo, noi umani non siamo poi tanto diversi.

L’impatto non verbale e nello specifico anche la camminata sono fondamentali tra persone che non si conoscono. Un modo di camminare deciso potrebbe indicare dominanza e in un certo senso anche aggressività. Spesso si tratta di persone che rivestono posizioni gerarchiche rilevanti su un piano sociale, lavorativo.

Altre volte, il tipo di camminata trasferisce informazioni sullo stato di salute della stessa persona che incrociamo, sia conosciuta che sconosciuta. La percezione che una persona ha di se stessa, la propria autostima, la propria efficacia si possono anche riflettere sul modo di camminare, così come sul modo di relazionarsi in generale con gli altri.

In un ‘ottica allargata, si potrebbe evidenziare che non è un caso che alcuni predatori scelgano la propria vittima in base all’andatura. Analizzare il modo di camminare è quindi rilevante non solo sul piano sociale e interpersonale ma potrebbe avere anche scopi rilevanti in termini di Sicurezza.

Da sempre il portamento ha avuto un ruolo fondamentale anche nella determinazione di altre caratteristiche: socievolezza, dominanza, status sociale, emozioni, disponibilità.

Spesso riconosciamo l’andatura di una persona anche dal semplice “suono” che fa mentre cammina in un determinato ambiente. Ciò probabilmente è indice di quanta importanza abbia il modo di spostarsi nello spazio.

Esistono  differenze tra maschi e femmine. Alcuni studi effettuati presso università straniere, hanno registrato varie tipologie di andature attraverso l’applicazione di alcuni sensori su ginocchia, caviglie, spalle, polsi, mostrando differenze sostanziali, anche in termini di età.

dancer

E in termini di  “efficacia comunicativa”? Il passo esitante, incerto, l’andatura indecisa, indicherebbero tendenza alla prudenza, alla vulnerabilità, alla probabile passività. Un passo affrettato, ampio, uniforme con il resto del corpo, un contatto deciso con il suolo è interpretabile come attività, decisione e intraprendenza.

Ampiezza dei passi, movimenti degli arti superiori, inclinazione del capo sono indicatori importanti se consideriamo l’atto del camminare. Una persona decisa rispetto ad una persona che si “trascina” avrà passi ovviamente differenti.

Pur se il nostro modo di camminare è costante, acquisito attraverso tappe evolutive precise, è altrettanto ovvio che può subire delle modificazioni a seconda del nostro stato emotivo. In questo, andrebbe fatta una lettura di tutto il linguaggio del corpo e anche delle espressioni emotive del viso, da cui, tra l’altro, trapelano le emozioni principali universali. Per fare un’accurata “diagnosi” personologica abbiamo  necessità di analizzare diversi indici e pertanto, non sempre basta la prima impressione!

È importante rilevare che presso la Queens University canadese di Kingston, in Ontario, il Prof. Troje sta mettendo appunto uno strumento di biological motion, al fine di identificare bene i movimenti del corpo e per inferire diverse osservazioni: dalla condizione psicologica del soggetto, all’analisi della postura di un politico, sino alla disponibilità sessuale di un eventuale partner.

Un’analisi avanzata della comunicazione non verbale, di fatto, sarebbe possibile: distinguere il passo di una donna rispetto a quello di un uomo; stabilire se una persona è triste o allegra; evidenziare la sincerità o la menzogna non è dunque fantascienza.

A volte, camminare è indicativo di caratteristiche personologiche più specifiche. Ci sono persone che inciampano ovunque e che sembrano realmente avere la testa tra le nuvole. Sembrano essere persone fantasiose, estrose e facilmente distraibili. Chi si muove con un passo rigido, paleserà tale rigidità anche nel resto del corpo e mostrerà probabilmente anche un certo carattere improntato sulla volontà o l’ostinazione.

Il modo di muoversi nello spazio è espressione quindi anche di Personalità. Camminare e muoversi con tutto il corpo potrebbe però anche darci altri tipi di segnale. Muovere maggiormente i fianchi, ancheggiare, muovere il bacino, inclinare il capo, sono indici di una camminata sicuramente femminile. Se aggiungiamo ad essi un repertorio non verbale che riguarda il viso (ad esempio sfregarsi le labbra o accarezzarsi i capelli) e gli arti, potemmo anche decifrare il tutto come disponibilità sessuale.

Se è vero che il nostro modo di camminare è influenzato da pensieri, caratteristiche personologiche ed emozioni, potrebbe essere vero anche il contrario. In effetti, cambiando ad esempio postura e  assumendone una eretta, con testa alta e sguardo fiero, difficilmente potremmo sperimentare un senso di tristezza o depressione e forse, di conseguenza, anche il nostro passo subirà una variazione. Se il pensiero influisce sul nostro corpo, è vero anche il contrario. Provare per credere!

Non stacchiamo però troppo i piedi da terra! Banalmente, il nostro passo può essere influenzato anche da come ci sentiamo fisicamente (una persona ubriaca cammina differentemente da una persona lucida) o da altri fattori, quali ad esempio, lo sport che pratichiamo. Il passo di una danzatrice classica, oltre che nello stile, sarà sicuramente differente da quello di un lottatore di judo!

di Mirco Turco

CRIMINAL, Il nuovo Manuale per il moderno Investigatore del Crimine

I primi di Dicembre uscirà il nuovo Manuale per il moderno Investigatore del Crimine, a cura di Mirco Turco, con tanti Autori …

Anteprima CRIMINAL, il nuovo Manuale

  “HIC SUNT DRACONES” Mi piace molto questa espressione che, a quanto pare, veniva associata alle carte geografiche …

Soft Skills e Valore Umano

Le soft skills sono competenze trasversali molto richieste negli scenari moderni del lavoro e delle organizzazioni. Possono …