Tag: <span>dipendenza</span>

L’Ipnosi nel Tabagismo

Il tabagismo, al pari di altre dipendenze da sostanze, è definito come una malattia cronica recidivante. L’OMS stima che il consumo di tabacco sia responsabile del decesso di 6 milioni di persone ogni anno. Si calcola che in Italia siano attribuibili al fumo di tabacco dalle 70 mila alle 83 mila morti l’anno! Oltre il 25% dei decessi è compreso tra i 35 e i 65 anni …

Circa il 38% dei fumatori ha fatto almeno un tentativo di smettere di fumare, ma nell’80% dei casi il tentativo è fallito e della quota residua, solo il 10% circa rimane astinente per almeno 6 mesi.

La nicotina, la cui struttura è simile a quella di un neurotrasmettitore naturale (l’acetilcolina) si attacca ad un insieme di recettori neuronali. L’impulso viene proiettato al nucleo accumbens causando una liberazione di un altro neurotrasmettitore, ovvero la dopamina. Si ritiene che sia proprio tale processo a innestare il comportamento di dipendenza. Inoltre, quando le concentrazioni di nicotina nel cervello sono inferiori al  livello solito, proprio in tali zone cerebrali si si riscontra una diminuzione dell’attività neurale. Tutto ciò spinge il fumatore ad attivare quei comportamenti che hanno la funzione di ripristinare il normale funzionamento, creando la così detta “fame di nicotina”.

Alcuni studi specialistici dimostrano che i fumatori hanno un profilo di personalità caratterizzato maggiormente da bassi livelli di Coscienziosità, livelli alti di Nevroticismo e di Estroversione, bassi livelli di Gradevolezza. Altre variabili e diversi fattori, ovviamente, contribuiscono alla dipendenza da nicotina. Le donne riferiscono maggiormente che sia l’ansia la causa principale della loro dipendenza, mentre altri fumatori riferiscono che il fumo possa aiutarli nella concentrazione o nella gestione dello stress. Da precisare, invero, che il tasso di fumo per i depressi è circa il doppio di quello che si riscontra nella popolazione generale.

L’ipnosi può essere una tecnica valida per affrontare il tabagismo, pur sottolineando che l’ostacolo principale da affrontare è la motivazione reale ed effettiva nello smettere di fumare! 

La tecnica di Granone (1989) dura circa 30/40 giorni e si esplica in 10 sedute, in cui si cerca di creare soprattutto una repulsione verso il fumare. Altre tecniche utilizzano le metafore, il simbolismo, la dissociazione e la neutralizzazione dell’ansia, rinforzando la personalità e agendo sul decondizionamento. Occorre sempre sottolineare che l’ipnosi non è una pratica magica e che comunque, occorre impegno e determinazione per smettere. Motivi flebili, indecisioni, tentennamenti che possono essere notati dallo specialista, dovrebbero essere subito sottolineati, poiché costituiscono un ostacolo per l’efficacia dell’ipnosi.

“Lascio che i pazienti prendano da soli la decisione, senza alcuna forzatura …” diceva M. Erickson, il quale già parlava di diversa motivazione se una persona assumeva un tono supplichevole e di sofferenza, rispetto al tono fermo e convinto “voglio smettere di fumare”.

“… non sai in che giorno smetterai di fumare. Non sai se sarà nella prima parte di luglio; ma sei dannatamente certo che succederà prima del 15 agosto, e vorresti venderti l’anima per sapere che giorno sarà …”

In altre tecniche ipnotiche si “lavora” anche sul contatto manuale con la sigaretta, innestando, ad esempio, un contatto sostitutivo con un altro oggetto piccolo da tener in mano per qualche minuto, sino a quando la voglia di fumare svanisce progressivamente.

L’ipnosi nel tabagismo può utilizzare, quindi, tecniche strutturate e protocolli personalizzati. Il punto di partenza rimane sempre e comunque la motivazione. Paradossalmente, non sempre la salute è una motivazione sufficiente!

Internet Addiction e Ipnosi

La dipendenza di internet non è un fatto recente, sebbene, solo nel 2013, nel DSM (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) si parli di Internet Gaming Disorder, ovvero di un disturbo caratterizzato dall’eccessivo uso di videogiochi con componenti online.
La dipendenza da internet, in realtà, si manifesta anche  sotto altre forme: dalla pornografia online,  al gioco d’azzardo, sino allo shopping compulsivo.Oggi, infatti, il DSM-V parla di IAD, Internet Addiction Disorder (Disturbo della dipendenza da Internet).

Le persone che sperimentano tali disturbi “vivono” al pari di chi ha un’altra dipendenza, come quella da sostanze e soffrono di veri e propri sintomi di astinenza.

L’ipnosi viene utilizzata da tempo per il trattamento delle dipendenze, inoltre, agisce sulle capacità cognitive della persona, favorendo l’apprendimento. Ne consegue che essa trova spazio anche nelle nuove forme di dipendenza, soprattutto lì dove si riscontri una sproporzione in termini di utilizzo del mezzo informatico/tecnologico.

Per comprendere  bene tale disturbo, soprattutto in termini di utilizzo disfunzionale, si può fare riferimento ad una serie di sintomi:

1. necessità di trascorrere un tempo sempre maggiore in rete per trarne soddisfazione;

2. bisogno di navigare per periodi più lunghi di quelli pianificati trascurando gli impegni della vita reale.

Ciò che risulta complicato però è la fase della disconnessione. Quando la persona si trova a dover “spegnere” il tutto, sperimenta sovente ansia, depressione, agitazione psicomotoria, pensieri ossessivi. Si manifestano, inoltre, sintomi fisici quali emicrania, crampi, sudorazione eccessiva, tachicardia, …

L’ipnosi, nel caso dello IAD, agisce sul piano cognitivo, emotivo e comportamentale e come sempre su un piano psicosomatico.

 

Ipnosi e Bambini

L’ipnosi moderna come pratica clinica con i bambini emerge in Europa nel diciottesimo secolo, ma abbiamo testimonianze …

Indurre sogni in ipnosi: è possibile?

La risposta è SI! La tecnica consiste nel suggerire alla persona di ripetere all’infinito un sogno o una fantasia, …

L’ipnosi nei disturbi dell’alimentazione

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono considerati come disturbi di tipo comportamentale e psicologico. …