Articoli e News

Decine di miei articoli utili per migliorare il tuo stile di vita.

L’Ipnosi nelle Cefalee

Le cefalee rappresentano la più frequente causa di ricorso al medico e la manifestazione più comune del dolore cronico e/o acuto. Le cefalee, secondo le classificazioni, possono essere “Primarie” e “Secondarie”. Le prime sono generalmente benigne e ricorrenti (emicrania, cefalea di tipo tensivo); le seconde sono causate da patologie di tipo cranico-encefalica e possono essere dovute a neoplasie, emorragie o processi infiammatori. Le Cefalee Croniche Primarie – CCP, rappresentano circa il 90% di tutte le cefalee e vengono considerate di origine multifattoriale, sebbene, lo stress giochi un  ruolo strategico nell’insorgenza, insieme a dinamiche emotive. Le CCP rientrano nella categoria dei disturbi psicosomatici e psicofisiologici, poiché i meccanismi che ne determinano l’insorgenza e la persistenza sono influenzati fortemente da fattori psicologici.

La classificazione delle cefalee è molto articolata. Si pensi che esistono 13 tipi di cefalee! L’ipnosi viene considerato un trattamento elettivo soprattutto per:

  1. Cefalea di tipo tensivo
  2. Emicrania con e senza aura
  3. Cefalea mista
  4. Cefalea psicogena

Gli approcci indiretti, ovvero quelli basati sull’ipnosi ericksoniana sembrano essere quelli più efficaci, rispetto ad approcci diretti. Una terapia ipnotica (ipnoanalisi) risulta, inoltre, rilevante quando dietro al dolore cefalgico si celano conflitti psichici rimossi. Secondo alcuni studi specialistici, l’efficacia dell’ipnosi nel trattamento della cefalea è stata dimostrata essere statisticamente superiore o equivalente rispetto a trattamenti farmacologici comunemente usati!

Tra le tecniche che possiamo citare abbiamo: il rilassamento progressivo, la dislocazione del dolore, l’immagine orientata al futuro, la distorsione temporale, l’hendache flooding, ecc… Ovviamente, la diagnosi è sempre obbligatoria e il trattamento ipnotico non sembra essere efficace per la nevralgia del trigemino e la cefalea a grappolo. Da considerare sempre e comunque la motivazione del paziente e i “guadagni secondari” della cefalea (utilità inconscia della malattia).

Scrivi un commento

L’Ipnosi nei Disturbi d’Ansia

L’ansia può essere considerata un’attivazione psicofisiologica che eccede rispetto ai livelli richiesti dalla …

Ipnosi, sovrappeso e obesità

Obesità e sovrappeso sono condizioni disabilitanti e rappresentano una vera e propria urgenza medica! Esse, infatti, predispongono …

Ipnosi e Sistema Nervoso

Le conoscenze sull’Ipnosi e sui suoi meccanismi, nel corso degli ultimi anni, hanno raggiunto livelli avanzati. Possiamo …