Categoria: <span>Ipnosi</span>

Sei ipnotizzabile?

La suscettibilità ipnotica o ipnotizzabilità misura la capacità di una persona di essere ipnotizzata e la profondità della trance, nonché la capacità di presentare la fenomenologia tipica della trance. Essa dipende da una capacità immaginativa di stabilire un legame mentale tra soggetto ed oggetto e da una necessaria e direi quasi “obbligatoria” relazione ipnotica.

Secondo recenti studi:

  • il 10% delle persone è scarsamente ipnotizzabile
  • il 15% delle persone è altamente ipnotizzabile
  • il 75% delle persone è mediamente ipnotizzabile

Il livello di ipnotizzabilità non sembra essere una caratteristica di personalità, ma è più qualcosa legato al tempo e alle richieste ambientali. Tale variabilità era riscontrabile sin dai primi studi sull’ipnosi e continua ad esserlo ad oggi. Contrariamente a quanto si possa pensare, le persone altamente ipnotizzabili mostrano al contempo una maggiore abilità attentiva rispetto a coloro che sono scarsamente ipnotizzabili. Possiamo comunque schematizzare affermando che l’ipnotizzabilità è una condizione dinamica dipendente da fattori di ordine neurale, psicologico e sociale.

Determinanti:

  • elevati livelli di attività theta
  • elevati livelli di connettività strutturale e funzionale tra le aree frontali biemisferiche e tra queste la corteccia cingolata anteriore
  • elevati livelli di dopamina e di GABA
  • flessibilità cognitiva

La profondità della trance può essere valutata direttamente dal clinico e attraverso misure self-report, ovvero di autovalutazione. Esistono, comunque, scale fenomenologiche valide di misura della trance, basata sul comportamento ipnotico osservabile. Le più diffuse sono la Stanford Scale e La Harvard Scale. Nel modulo A della Stanford Scale, il soggetto è sottoposto ad una serie di prove e a seconda della “risposta”, si assegna un punteggio che va da 1 a 3 se scarsamente suscettibile all’ipnosi, da 4 a 7 livello medio, da 8 a 12 livello alto di suscettibilità ipnotica.  Più alto è il punteggio, più elevata è la suggestionabilità ipnotica.

Suggestioni previste:

  1. oscillazione posturale
  2. chiusura degli occhi
  3. abbassamento della mano (sx)
  4. immobilizzazione (braccio dx)
  5. immobilizzazione dito della mano
  6. rigidità del braccio (sx)
  7. mani che si muovono insieme
  8. inibizione verbale (nome)
  9. allucinazione (volare)
  10. catalessia degli occhi
  11. comando post-ipnotico (cambio sedia)
  12. amnesia

Tra le misure di ipnotizzabilità esiste anche l’Hypnotic Induction Profile – HIP, ovvero il test di rovesciamento oculare. Si chiede ad una persona di muovere gli occhi verso l’alto e viene misurato il grado di esposizione visiva dell’iride e della cornea. Maggiore è la superfice della sclera osservabile, più una persona è ipnoticamente suscettibile. La scala è comunque ritenuta scarsamente attendibile.

L’analisi bispettrale e il BIS Index, invece, sono considerati strumenti validi e affidabili di valutazione monitoraggio della trance ipnotitca.

L’Ipnosi nella Fibromialgia

La Fibromialgia è considerata una sindrome dolorosa cronica complessa, caratterizzata da dolore muscolo-scheletrico diffuso con iperalgesia. La qualità della vita viene notevolmente compromessa e il dolore è sovente associato ad una “stanchezza cronica” oltre ad altri sintomi psicopatologici (ansia, depressione, disturbi della personalità).

L’International Classification of Diseases (ICD-10), definisce la Fibromialgia come una Sindrome somatica funzionale. Essa viene spesso sottostimata e misconosciuta, pur se recentemente si è segnalato un drammatico incremento dell’incidenza, con prevalenza femminile.

Nel 2016, Wolfe et al. hanno rivisitato i criteri di identificazione per la Fibromialgia che attualmente prevede:

  • presenza di dolore generalizzato
  • sintomi presenti per almeno 3 mesi
  • indice di dolore diffuso (18 aree somatiche dolorose) e scala di severità dei sintomi (>13 punti)
  • la diagnosti è valida indipendentemente da altre diagnosi

La genesi della Fibromialgia si ritiene riferibile ad alterazioni morfo-funzionali, con ipersensibilizzazione del Sistema Nervoso Centrale. Fattori psicologici, neurobiologici, genetici possono contribuire alla sua eziopatogenesi. In modo particolare, i fattori psicologici, gli eventi stressanti e lo stile di vita rappresentano un aspetto importante. Eventi avversi della vita, così come l’abuso emotivo, fisico e sessuale sono considerati come potenziali fattori eziologici nella Fibromialgia.

Su un piano delle terapie, molti sono i farmaci utilizzati, ma la maggioranza di essi risulta essere scarso o comunque poco efficace nella cura. In particolare, ci si riferisce alla classe di farmaci antidepressivi, antiepilettici ed oppioidi.

Le terapie fisiche risultano essere utili per modulare il dolore e migliorare la qualità della vita, così come alcune terapie psicologiche. Risultati positivi si ottengono attraverso attività quali yoga, tai chi, meditazione, biofeedback, idroterapia, ipnosi. Quest’ultima risulta particolarmente indicata come strumento ausiliario per gestire il dolore cronico e i sintomi disfunzionali nei pazienti con Fibromialgia.

Si può suggerire un vero e proprio “protocollo ipnotico” costituito da una sessione di ipnosi settimanale per un periodo minimo di 3 mesi, con due sessioni mensili per i tre mesi successivi. Ai pazienti viene poi anche prescritto di praticare l’autoipnosi. Sono previste suggestioni e suggerimenti multisensoriali e di rilassamento, oltre a induzioni indirette di tipo ericksoniano per modulare il dolore. La personalizzazione della terapia, ovviamente, è da considerare sempre, sottolineando in ogni caso le tecniche dissociative, di progressione dell’età, di amnesia post-ipnotica.

Un esempio pratico può essere il Rapid Induction Fibromialgia Relief (RIFR), un’induzione che si focalizza su:

  • rilassamento progressivo
  • approfondimento della trance
  • luogo sicuro
  • suggestioni di sinestesia
  • ristrutturazione cognitiva
  • implementazione dell’autostima e dell’immagine corporea
  • riduzione dell’affaticamento
  • amnesia post-ipnotica

La Fibromialgia è una malattia degenerativa pervasiva e persistente. I sintomi, se non ben trattati, tendono al peggioramento e influiscono progressivamente e negativamente sulla qualità della vita. Un trattamento elettivo non esiste attualmente, ma l’ipnosi, insieme ad un approccio combinato, può sicuramente dare dei buoni risultati.

 

L’Ipnosi nel controllo del dolore

L’ipnosi agisce sulle componenti del dolore, ovvero sulla componente fisiologica e su quella emotiva. Inoltre, numerosi studi dimostrano l’efficacia nell’aumentare la tolleranza al dolore, alleviando la componente sensoriale-discriminativa dell’esperienza e la componente motivazionale-affettiva. L’effetto analgesico dell’ipnosi è considerato specifico e non rappresenta semplice suggestione o effetto placebo! Sul piano neurochimico, inoltre, l’analgesia ipnotica non sembra essere mediata né dagli oppiacei endogeni né dall’ACTH.

Tali considerazioni importanti provengono da una serie di studi specialistici e ricerche di settore (ivi comprese le attività di ricerca- intervento e sperimentazione condotte dal sottoscritto in materia di analgesia e anestesia ipnotica in microchirurgia. cfr articoli nel presente sito), oltre ad approfondimenti diagnostici effettuati con svariate tecniche (SPECT, PET, RM, RMN, …). L’ipnosi, pertanto, agirebbe sul flusso ematico cerebrale di alcune zone cerebrali specifiche, sulla modificazione dell’attività di alcune strutture cerebrali, sui meccanismi spinali, oltre a quelli automatici e periferici.

L’ipnosi è in grado di “manipolare” con una certa chirurgica selettività le diverse componenti dell’esperienza dolorosa e se è indicata per il dolore acuto, lo è ancora di più per quello cronico. Essa veniva usata già nell’800 come unico anestetico in chirurgia generale. Oggi, però, è ancora limitata per scarse conoscenze e ostinato e inutile scetticismo!

Trova impiego nel dolore post-operatorio, nel dolore da parto, nel dolore odontoiatrico, nel dolore dei grandi ustionati, … è nel dolore cronico però che trova grande spazio, modulando anche positivamente i concomitanti risvolti psicopatologici (ansia, depressione), nonché la qualità del sonno e della vita in generale. Si può affermare con una certa convinzione scientifica che l’ipnosi, da sola o in associazione con altri farmaci, è in  grado di controllare la maggior parte delle sindromi dolorose croniche. Evidenze cliniche dimostrano l’efficacia dell’ipnosi mediamente nel 75% dei pazienti con dolore acuto e cronico, con applicazioni importanti non solo nel dolore post-operatorio, ma an che in quello “procedurale”, ovvero legato ad interventi invasivi e cruenti. Inoltre, si può utilizzare anche per una varietà di sindromi dolorose, che vanno dalla cefalee, all’artrite, ai disturbi gastrointestinali (cfr colon irritabile), al dolore neuropatico da Sclerosi Multipla, alla fibromialgia.

L’ipnosi non va considerata una panacea, ma comunque rappresenta uno strumento versatile preziosissimo per la gestione e il controllo del dolore, offrendo al contempo un valido aiuto alla soluzione delle complesse problematiche del paziente.

L’Ipnosi nelle Cefalee

Le cefalee rappresentano la più frequente causa di ricorso al medico e la manifestazione più comune del dolore cronico e/o acuto. Le cefalee, secondo le classificazioni, possono essere “Primarie” e “Secondarie”. Le prime sono generalmente benigne e ricorrenti (emicrania, cefalea di tipo tensivo); le seconde sono causate da patologie di tipo cranico-encefalica e possono essere dovute a neoplasie, emorragie o processi infiammatori. Le Cefalee Croniche Primarie – CCP, rappresentano circa il 90% di tutte le cefalee e vengono considerate di origine multifattoriale, sebbene, lo stress giochi un  ruolo strategico nell’insorgenza, insieme a dinamiche emotive. Le CCP rientrano nella categoria dei disturbi psicosomatici e psicofisiologici, poiché i meccanismi che ne determinano l’insorgenza e la persistenza sono influenzati fortemente da fattori psicologici.

La classificazione delle cefalee è molto articolata. Si pensi che esistono 13 tipi di cefalee! L’ipnosi viene considerato un trattamento elettivo soprattutto per:

  1. Cefalea di tipo tensivo
  2. Emicrania con e senza aura
  3. Cefalea mista
  4. Cefalea psicogena

Gli approcci indiretti, ovvero quelli basati sull’ipnosi ericksoniana sembrano essere quelli più efficaci, rispetto ad approcci diretti. Una terapia ipnotica (ipnoanalisi) risulta, inoltre, rilevante quando dietro al dolore cefalgico si celano conflitti psichici rimossi. Secondo alcuni studi specialistici, l’efficacia dell’ipnosi nel trattamento della cefalea è stata dimostrata essere statisticamente superiore o equivalente rispetto a trattamenti farmacologici comunemente usati!

Tra le tecniche che possiamo citare abbiamo: il rilassamento progressivo, la dislocazione del dolore, l’immagine orientata al futuro, la distorsione temporale, l’hendache flooding, ecc… Ovviamente, la diagnosi è sempre obbligatoria e il trattamento ipnotico non sembra essere efficace per la nevralgia del trigemino e la cefalea a grappolo. Da considerare sempre e comunque la motivazione del paziente e i “guadagni secondari” della cefalea (utilità inconscia della malattia).

L’Ipnosi nella Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS)

Chi soffre di Sindrome dell’Intestino Irritabile, sovente, si trova psicologicamente al centro di un conflitto tra forze uguali e contrarie: una parte espansiva ed emotiva e l’altra parte che si oppone per timore. La persona vive tendenzialmente il desiderio di libertà e il senso di colpa; l’istinto e la ragione; il controllo e il disordine. La persona deve imparare, progressivamente, a fare spazio alle proprie esigenze, riequilibrando il rapporto e le relazioni con gli altri.

Nella patogenesi della sindrome, si riscontrano sovente alcuni tratti specifici:

  • perfezionismo
  • autocritica
  • catastrofismo
  • difficoltà ad esprimere bisogni ed emozioni

La parola d’ordine per chi soffre di IBS dovrebbe essere “LEGGEREZZA”!

In altre occasioni abbiamo specificato come l’ipnosi possa essere considerato uno strumento efficace anche e soprattutto in ambito disturbo psicosomatico. Nel caso della Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS), occorre considerare che le cause non sono ancora chiare e che esse siano comunque molteplici: disregolazione asse intestino-cervello, sistema immunitario, flora intestinale, mobilità intestinale e variabili psicosociali. Normalmente, in alcuni periodi, il disturbo è meno intenso e in altri può riacutizzarsi a causa di diete alimentari, stati emotivi e periodi di stress e ansia.

I trattamenti attraverso l’ipnosi, secondo la moderna ricerca, dovrebbero essere diretti alla riduzione del dolore addominale, all’attenuazione dello stress e alla normalizzazione del funzionamento intestinale. A tal riguardo, esiste il Protocollo di Manchester e il North Carolina (12 sedute a cadenza settimanale) che, attraverso una serie di sedute strutturate, mira alla riduzione dei sintomi e al rafforzamento dell’Io della persona. L’Ipnosi, pertanto, agirebbe sia sul sistema nervoso enterico, sia su quello automatico centrale, modificando l’attività della corteccia anteriore del cingolo e influenzando variabili psicologiche, così come schemi cognitivi ed emozioni.

L’ipnosi mira a implementare temi attinenti al benessere, alla protezione, alla calma e vengono collegati direttamente alle funzioni intestinali. Le tecniche utilizzate sono suggestioni multisensoriali, come ad esempio, la mano calda, la metafora fluviale per intervenire, ad esempio, sugli attacchi diarroici o la stipsi. Per la gestione dello stress è molto importante l’utilizzo di metafore che possono instillare un senso di disconnessione e distanza da situazioni, ambiente e pressioni sociali.

Secondo alcuni studi specialistici, i benefici dell’ipnoterapia permangono a cinque anni dalla fine del trattamento nel 83% dei pazienti.

 

L’Ipnosi in Dermatologia

Complessi meccanismi psico-neuro-endocrino-immunologici regolano il funzionamento della pelle ed il suo stato di salute.

La pelle è molto sensibile allo stress e la capacità rigenerativa dello strato più esterno  cambia in funzione dello stress stesso. La stretta interazione tra pelle e sistema nervoso fa si che la classe di disturbi della pelle sia considerata molto sensibile ai fattori psicologici. Molto malattie della pelle, infatti, sono determinate da componenti psicosomatiche e comportamentali che possono “giustificarne” l’esordio così come il mantenimento.

I disturbi della pelle affrontati con l’ipnosi sono innumerevoli: acne excoriée, alopecia areata, dermatite atipica, ittiosiforme congenita, eritroderma, dermatica disitrotica, eritromelalgia, foruncoli, glossodinia, herpes semplex, iperidrosi, ittiosi vulgaris, lichen planus, neurodermite, dermatite nummulare, nevralgia posterpetica, prurito, psoriasi, rosacea, tricotillomania, oritcaria, verruca vulgaris e vitiligine.

L’ipnosi, in generale, può essere utilizzata per ridurre il dolore sulla pelle, il prurito, modificando comportamenti che possono aggravare le diverse malattie. In alcuni casi, si può ricorrere all’ipnoanalisi, per comprender meglio le aree di conflitto della persona, così come eventuali traumi sottostanti o i vantaggi secondari di una malattia.

Numerosi studi dimostrano l’efficacia dell’ipnosi in dermatologia. Essa agevola la ristrutturazione degli schemi cognitivi ed emotivi, riducendo i livelli di ansia, depressione e dolore. Inoltre, migliora il tono dell’umore, riduce lo stress, stimola i processi fisiologici autonomi per avviare il processo di guarigione, riduce i comportamenti disfunzionali, facilita la risoluzione di conflitti inconsci e consente la gestione del dolore.

Le ricerche non mostrano alcuna controindicazione nell’utilizzo dell’ipnosi in ambito dermatologico, sottolineando che essa può rappresentare uno strumento strategico valido in integrazione agli altri trattamenti classici.

L’Ipnosi in Odontoiatria

Nonostante la grande disponibilità di farmaci ad uso locale e la relativa efficacia, l’ipnosi è oggi quanto mai attuale anche in odontoiatria.

L’ipnosi trova applicazioni non solo per gestire ansia e fobie dal dentista, ma anche e soprattutto per creare una vera e propria “alleanza terapeutica”.

Risultato immagine per dentista

Il “Profile and Competence for the European Dentist” del 2005, raccomanda che i dentisti devono essere competenti nell’identificazione, nella valutazione e nel trattamento dell’ansia con metodi farmacologici e comportamentali. Inoltre, nel 2016, si è avuta ulteriore conferma di quanto sia rilevante l’utilizzo dell’ipnosi in ambito odontoiatrico, attraverso il Congresso Mondiale di Hypnodontics. In Germania, i dentisti certificati in ipnosi sono circa 1600!

M. Erickson ci ricorda, in ogni caso, che l’ipnosi è il risultato di una cooperazione e che può contribuire strategicamente a realizzare un setting adeguato anche dal dentista. L’ipnosi, ovviamente, va oltre la fiducia tra dentista e paziente e deve essere considerata anche come una forma di accudimento. L’ipnosi ericksoniana conversazionale si presta benissimo in ambito odontoiatrico: possono essere utilizzati aneddoti, metafore, implicazioni, uso delle domande, rispecchiamento, l’illusione di alternative, truismi, suggestioni, … Ancora una volta, quindi, si sottolinea l’ipnosi come tecnica di comunicazione interpersonale.

Queste precisazioni sono importanti per sfatare miti e leggende sull’ipnosi, in modo che pazienti e odontoiatri stessi, possano andare oltre la comune percezione dell’ipnosi, associata spesso a pratica magica!

In ambito odontoiatrico, sarebbe già strategico, eliminare la percezione del paziente, con una disposizione nascosta alla vista diretta, degli strumenti operativi, che richiamerebbero subito ala mente il timore del loro utilizzo. Sarebbe importante poi, costruire un “punto di fissazione” particolare e suggestivo sul quale il paziente potrà collocare la sua attenzione e che sarà utilizzato per l’induzione ipnotica. Potrebbe essere, per esempio, una piccola barchetta o un gabbiano in volo dipinti sul soffitto dello studio dentistico.

Visualizza immagine di origine

Con l’ipnosi è possibile, quindi, ancorare al contesto le suggestioni utilizzate in modo che agiscano automaticamente anche durante le sedute successive del paziente. L’ambiente, dunque, andrebbe strutturato intelligentemente, poiché crea “assorbimento” utile all’induzione. I vari punti di fissazione oculare, quindi, potranno essere studiati e collocati nella sala degli interventi, in modo che il paziente, spontaneamente, posi la sua attenzione.

Tali accorgimenti ambientali si sono rivelati molto utili anche in altre situazioni in cui si è voluto influenzare il comportamento degli individui (nudge).

Il setting ipnotico dello studio dentistico comprende dentista, architettura, personale, strumenti, odori, suoni, colori, … Ognuno di noi ha ben in mente uno studio dentistico, con tutti i particolari. Proprio per tal ragione, l’induzione potrebbe iniziare dallo stesso ambiente. Occorre allora destrutturarlo, con opportuni capovolgimenti percettivi, rompendo schemi attesi e fornendo dei bersagli sui quali il paziente, spontaneamente, può collocare la sua attenzione, rendendoli utilizzabili per le induzioni e l’ipnosi conversazionale.

Particolarmente importante in questo lavoro è considerare il canale visivo, attraverso opportuni sfondi o stimoli; il canale uditivo, attraverso una musica o stimoli sonori appropriati; un canale olfattivo, eliminando odori sgradevoli consueti di uno studio dentistico; il canale cenestesico, prevedendo poltrone comode e avvolgenti, oltre che gradevoli al tatto; canale gustativo, elicitando sensazioni piacevoli attraverso l’utilizzo di colluttori adeguati.

Attraverso l’ipnosi, inoltre, si può agire sulla fobia per gli aghi utilizzati nella pratica odontoiatrica; per controllare il riflesso di salivazione (aumentandola o diminuendola); per limitare il sanguinamento, oltre che per il controllo del dolore; per gestire il riflesso del vomito.

L’ipnosi odontoiatrica ha trovato una sua specifica collocazione tra l’armamentario dei dentisti da oltre un secolo. Occorre superare, comunque, ancora le convinzioni e l’ignoranza diffusa su questo potentissimo strumento …

Ipnosi e Scienza

Lo stato ipnotico è una realtà neurofisiologica che non può essere ottenuta né con l’immaginazione guidata, né tanto meno con la simulazione controllata. I dati raccolti derivano da osservazioni umane, strumentali indirette (EEG), e strumentali dirette (neuro- imaging, PET, risonanza magnetica, ecc.). L’ipnosi può essere considerato “uno stato” particolare, esclusivo e profondo di relazione. L’ipnosi è una forma elettiva di comunicazione e interazione e consente un più facile “accesso” all’inconscio della persona.

In quei momenti le persone (…) tendono a fissare lo sguardo (…) possono chiudere gli occhi, immobilizzare il corpo, reprimere certi riflessi e sembrano momentaneamente dimentiche di tutto ciò che le circonda, sino a quando non abbiano completato la loro ricerca interiore” (M. Erickson)

Durante la fase induttiva si verifica un cambiamento dello stato di coscienza. Si riscontrano variazioni sull’elettroencefalogramma. Si ha un rallentamento ed una variazione di altre attività (respiro, pulsazioni cardiache, …).

In generale, in base allaprofondità della trance”, si possono distinguere:
1. stati ipnoidi (pesantezza, rilassamento, chiusura delle palpebre);
2. trance leggera (catalessi);

3. trance media (amnesie, anestesie, …);

4. trance profonda (amnesia e anestesia completa, sonnambulismo, allucinazioni).

Fenomeni facilmente riscontrabili durante l’ipnosi:

regressione o avanzamento di età; amnesia; analgesia; anestesia; comportamento automatico; dissociazione; catalessi; allucinazioni; ipermnesia; risposte ideomotorie e/o ideosensorie; distorsione del tempo; …

Esistono difficoltà nell’applicare l’ipnosi?

Le difficoltà che si possono riscontrare nell’applicare l’ipnosi possono essere legate soprattutto al rapporto tra ipnotista e ipnotizzato. In genere, infatti, tutti siamo ipnotizzabili, pur se si registra una percentuale di soggetti resistenti.

Altre difficoltà sono legate alla personalità del soggetto che si intende ipnotizzare e/o all’eventuale presenza di psicopatologie conclamate di tipo psicotico (pur se esistono ricerche sull’ipnosi applicata con soggetti schizofrenici).

L’alterazione dovuta a sostanze psicotrope è, inoltre, quasi sempre incompatibile con la tecnica ipnotica.

Con l’ipnosi si possono modificare i comportamenti?
Attraverso l’Ipnosi si possono modificare comportamenti e percezioni indesiderate e si possono acquisire nuove abitudini, atteggiamenti e comportamenti.
L’Ipnosi ha una grande efficacia anche per migliorare la motivazione della persona, qualsiasi compito o progetto voglia iniziare. La sua efficacia (ormai dimostrata da tempo) in psicologia e medicina viene avvalorata da numerosi studi e ricerche.

L’Istituto Nazionale della Salute e della Ricerca Medica francese – INSERM ha pubblicato un rapporto “evidence based” sull’efficacia clinica della pratica ipnotica in ambito medico e terapeutico (INSERM U1178, Evalutaion de l’efficacité de la pratique de l’Hypnose – 2015).

Con oltre 200 pagine, il rapporto passa in rassegna circa 80 studi sistematici di meta-analisi della letteratura scientifica, confermando l’efficacia terapeutica dell’ipnosi nel contesto pre-operatorio, nell’ipnosedazione, nel dolore cronico, nell’ansia, nella sindrome da intestino irritabile e in altri ambiti clinici. Inoltre, si sottolineano i rischi di effetti collaterali inesistenti, con una significativa riduzione del consumo di farmaci analgesici e sedativi.
Nel comunicato si legge, inoltre, che gli effetti dell’ipnosi sono stati anche confermati da moderne tecniche di imaging. L’Institut Curie, parla di una grande conferma degli effetti benefici dell’ipnosedazione e Le Monde, sottolinea la rilevanza dell’ipnosi per la riduzione dei farmaci. L’Institute Francais d’Hypnose – IFH ha curato una rassegna stampa di tutti gli articoli pubblicati e presenta un rapporto di sintesi ad opera di A. Bioy, esperto scientifico e professore di psicopatologia e psicologia medica all’Université de Bourgogne.

Esistono dati più concreti sull’applicazione dell’ipnosi?

A titolo meramente esemplificativo, si riportano alcuni dati e statistiche sull’utilizzo dell’ipnosi nel trattamento di alcune problematiche molto diffuse. Ovviamente, i dati esistenti oggi “a supporto” sono davvero tantissimi.

IPNOSI E STRESS

Alcuni studi condotti hanno indagato l’efficacia dell’Ipnosi sulle patologie legate allo stress. Si è così constatato che oltre il 75% dei pazienti riteneva i loro sintomi migliorati dopo 12 settimane di pratica ipnotica ed entro un anno il 72% dello stesso gruppo ha avuto una remissione completa dei sintomi.

IPNOSI E ASMA

Nel corso di un periodo di sei anni, 173 pazienti affetti da asma sono stati trattati con l’auto-ipnosi. Circa l’ 82% degli stessi sono molto migliorati o hanno sperimentato la remissione totale dei sintomi.

IPNOSI E ANSIA

Uno studio su 20 individui con ansia, ha dimostrato la riduzione dei sintomi psicofisici dopo circa 20 giorni di “pratica”. Inoltre, i pazienti hanno avuto anche un sensibile miglioramento a livello cognitivo e fisico.

IPNOSI E PTSD

Diversi studi hanno evidenziato come l’uso dell’Ipnosi nel trattamento del Disturbo Post Traumatico da Stress risulta efficace, così come nella gestione della fobia semplice e nel disturbo di panico.

IPNOSI E INSONNIA

Una recente revisione clinica sull’Ipnosi ha evidenziato che essa si dimostra efficace per il trattamento dell’insonnia.

IPNOSI E DOLORE

A seguito di un esame approfondito della letteratura esistente, una commissione speciale commissionata dalla British Medical Association conclude che:“Oltre al trattamento delle disabilità psichiatriche, c’è un posto per l’ipnotismo nella produzione di anestesia o analgesia chirurgica e interventi odontoiatrici, e nei soggetti idonei è un metodo efficace di alleviare il dolore durante il parto senza alterare il normale corso del travaglio”. L’Ipnosi risulta elettiva anche per il trattamento del dolore acuto e cronico. La stessa commissione ha specificato, inoltre, che la pratica risulta efficace per rimuovere i sintomi e modificare le abitudini morbose di pensiero e di comportamento.

IPNOSI E DISTRUBI LEGATI ALLA SESSUALITA’

La terapia ipnotica, combinata con quella cognitiva, risultano maggiormente efficaci nel trattamento di problematiche e disordini di natura sessuale rispetto all’applicazione della sola terapia cognitiva.

IPNOSI E SINDROME DELL’INTESTINO IRRITABILE

Numerosi studi dimostrano l’efficacia dell’Ipnosi nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile e per il trattamento dell’ansia ad esso associata.

Altre domande che meritano una risposta.

Può l’ipnosi migliorare la performance scolastica? Può l’ipnosi influire strategicamente sulla memoria e la concentrazione? Può l’ipnosi aumentare il processo creativo?

Già nel 2006 fu dimostrato (Columbia University) che l’ipnosi agisce profondamente sui processi cognitivi. Sembra che in stato di ipnosi, alcuni stimoli appresi vengano assorbiti con maggior vividezza rispetto ad uno stato di veglia normale. Ciò influisce direttamente sulla memoria. Inoltre, durante lo stato ipnotico si verifica una maggior attivazione di aree cerebrali deputate alla concentrazione.

Ulteriori studi hanno dimostrato che in stato ipnotico la persona è in grado di migliorare l’elaborazione semantica e di accedere più facilmente al pensiero creativo. Ciò si verificherebbe anche con maggior “velocità e accuratezza nella risposta”.

L’ipnosi agisce migliorando la memoria, la concentrazione, la creatività, ma non solo. Favorisce un maggior controllo delle proprie risorse cognitive ed è sicuramente utile per migliorare la performance nello studio. Un ulteriore studio illuminante a questo proposito ha dimostrato che i voti di alcuni studenti che partecipavano a delle sedute di gruppo di ipnosi sono migliorati rispetto ai gruppi di controllo. Ciò fa emergere che l’ipnosi è un ottimo strumento anche in situazioni di gruppo.

L’ipnosi è un utile strumento anche per affrontare e gestire il problema complesso della procrastinazione, ovvero la tendenza a rimandare. Si calcola, infatti, che la procrastinazione accademica sia molto diffusa (70% circa). Essa, inoltre, è connessa ad altre problematiche dello studente, come la gestione del tempo e delle priorità e la distraibilità.

Il focus sui problemi alimentari.

Durante alcune fasi dello sviluppo è probabile che possano insorgere delle problematiche legate all’alimentazione. Tra queste, sicuramente l’anoressia e la bulimia sono quelle più note e diffuse.

L’anoressia nervosa è caratterizzata da un rifiuto persistente del cibo e dalla paura ossessiva di ingrassare. La bulimia, invece, è un disturbo dell’alimentazione che presenta fasi caratterizzate dall’assunzione di grandi quantità di cibo seguite da fasi in cui vengono attuati diversi metodi (per esempio il vomito autoindotto), per riuscire a non acquisire peso.


Attraverso alcuni studi recenti, si è rilevata una significativa diminuzione del 
volume di materia grigia nelle pazienti affette da anoressia, specie nel lobo parietale (inferiore e superiore). Tale area sarebbe collegata alla costruzione e alla modifica delle immagini mentali e soprattutto alla rappresentazione mentale del sé.

Utilizzare l’ipnosi con pazienti affetti da disturbi alimentari non è cosa semplice, soprattutto perchè tali pazienti presentano numerosi comportamenti di controllo. Ciò si registra soprattutto in caso di anoressia. Nel caso della bulimia, invece, differenti studi evidenziano la maggior efficacia dell’ipnosi. Il tipico stato di dissociazione durante alcuni attacchi di fame nervosa, infatti, può essere considerato simile a quello riscontrato durante un procedimento ipnotico.

Tra i disturbi alimentari, c’è anche il Binge Eating Disorder, detto anche disturbo da alimentazione incontrollata, caratterizzato da mangiare rapidamente una grande quantità di cibo, anche in assenza di appetito o fame; sentirsi spiacevolmente pieni; mangiare in solitudine e sperimentare senso di colpa e vergogna. Il disturbo sembra essere connesso a rabbia, ansia, noia e frustrazione. Sebbene esistano pochissime evidenze scientifiche sulla validità dell’ipnosi e il BED, essa può essere strategica soprattutto per gestire i sentimenti di autosvalutazione della persona e per comprendere le ragioni delle abbuffate. In tal senso, l’ipnosi “lavora” molto non solo sul piano comportamentale, ma anche emozionale.

Oltre alle evidenze cliniche e ai disturbi brevemente descritti, lipnosi viene utilizzata anche per gestire diete e piani alimentari, lì dove la persona “ricada” sempre e comunque in vecchie abitudini o non riesca a seguire la nuova alimentazione. Con l’ipnosi, infatti, si possono “smuovere” volontà e motivazione del cliente, oltre a creare condizionamenti negativi nei confronti di alcuni cibi (es. cliente goloso di dolci che attraverso l’ipnosi, sperimenta una sensazione di sgradevolezza nei confronti degli stessi).

Come al solito, prima di procedere all’utilizzo dell’ipnosi nell’ambito della sfera alimentare, è opportuno procedere ad un’indagine approfondita su altre problematiche e situazioni cliniche eventuali che possano interferire con la situazione della persona.

Ipnosi e fobie?

L’ipnosi può essere utilizzata anche per la gestione e la risoluzione di alcune fobie. Come sappiamo ne esistono davvero tante e in questo, l’individuo è davvero molto creativo!

Ipnosi: tutto quello che dovresti sapere

Il grande potere della mente umana e dell’ipnosi. Una pratica antica e straordinaria, ma che ancora desta scetticismo e mistero, nonostante i numerosi studi scientifici che ne provano l’efficacia in campo psicologico, medico e non solo.
Una guida snella e pratica che ti svelerà, senza troppi giri di parole, le grandi potenzialità dell’ipnosi.

Lo trovi su Amazon Kindle (GRATIS per abbonati o a soli 2,99 euro)

 

RELAX 4X4

Ti propongo questo breve esercizio di rilassamento. Prenditi pochi istanti e siediti comodamente. Cerca di isolarti per qualche minuto e goditi il tuo relax … Puoi ripetere l’esercizio quando vuoi, più volte al giorno o semplicemente quando avverti una certa tensione o un po’ di stress …

Ipnosi e Bambini

L’ipnosi moderna come pratica clinica con i bambini emerge in Europa nel diciottesimo secolo, ma abbiamo testimonianze …

Indurre sogni in ipnosi: è possibile?

La risposta è SI! La tecnica consiste nel suggerire alla persona di ripetere all’infinito un sogno o una fantasia, …

L’ipnosi nei disturbi dell’alimentazione

I disturbi della nutrizione e dell’alimentazione sono considerati come disturbi di tipo comportamentale e psicologico. …